L’arancia della salute, rossa come la lava dell’Etna

Rosse come la lava dell’Etna. Un’eruzione di sapori e di salute, grazie al sole tutto l’anno nelle tre province di produzione, Catania, Enna e Siracusa. Siamo in Sicilia orientale, a Sud del famoso vulcano in piena attività che riscalda la terra dove l’arancia rossa matura e sprigiona un concentrato inimitabile di vitamine e di profumi.

L’arancia rossa di Sicilia è un antinfluenzale naturale grazie alla vitamina C, protegge dalle malattie cardiovascolari e previene le vene varicose e la cellulite. E’ ricca di calcio, di selenio di zinco e di ferro. Ma anche di fosforo, magnesio e potassio. Un antiossidante dalle proprietà davvero uniche anche per combattere l’invecchiamento delle cellule, anche quelle danneggiate da traumi quotidiani.

Dopo una premuta, poi, non buttate via la buccia: l’infuso della scorza ha azione calmante e antidepressiva. E, se siete a dieta, ricordate che grazie alle “antocianine”, i pigmenti della polpa responsabili del colore rosso intenso e del senso immediato di sazietà, è possibile tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue e il vostro peso forma.

Ma impariamo a riconoscere subito l’arancia rossa di Sicilia. Innanzitutto dalle diverse tipologie: tarocco, moro e sanguinello. Fate attenzione all’involucro: scegliete quello con queste varietà e con l’indicazione tassativa di “arance rosse di Sicilia”.

Se siete già sulle tracce dell’arancia della salute allora partite subito sfogliando online la nostra guida della Sicilia che trovate qui.  

Raggiungerete Catania con l’Etna che guiderà il vostro viaggio lungo la costa fino a Siracusa e alla valle dei Templi, per poi virare nel cuore antico e barocco di Piazza Armerina con destinazione finale Enna, alla scoperta dei tesori dell’arte e della cucina delle tradizioni isolane.

Scoprite con noi i prodotti Dop e bio della Sicilia e le ricette tradizionali, tutte da provare nei ristoranti con il marchio Ospitalità italiana